Dancalia e Gibuti 16 giorni Drive & Lodge

Richiedi informazioni
Guida Italiana
Da€ 4.885
Salva nella tua lista dei desideri

Per aggiungere un articolo alla lista dei desideri è necessario avere un account

18588

Perchè scegliere un viaggio Afronine?

  • 30 anni di esperienza
  • solo 10 destinazioni ma oltre 100 proposte di viaggio
  • Staff multietnico e competente
  • Servizio clienti H24
  • Assicurazione di viaggio per assistenza sanitaria e penali da annullamento

Hai qualche domanda?

Non esitare a chiamarci o a scriverci una email. Afronine è lo specialista in viaggi organizzati in Africa e saremo lieti di aiutarti.

+39.02 29512185

tour@afronine.it

  • 16 giorni - 13 notti
  • min. 4 partecipanti
  • Minibus e/o fuoristrada
  • da Settembre a Maggio
  • Hotel 2*-3*-4* - Sotto le stelle sull'ErtaAle
  • guida in italiano
  • 12gg FB | 2gg B&B

In questo periodo l’Etiopia attraversa un momento difficile, e parte della Dancalia non è aperta al turismo o non è in una situazione di sicurezza. Per questo motivo possiamo offrire, per ora, solo viaggi che includono le parti dove ci possiamo muovere in sicurezza.

Questo viaggio si incentra sul vulcano Erta Ale e la visita dei villaggi e mercati Afar,  non include la piana del sale e Dallol. E, per finire, Gibuti dove la modernità vive fianco a fianco a un mondo che ricorda Simbad il marinaio: il perfetto equilibrio tra eleganza orientale e autenticità africana!

Da dicembre 2022 l’Erta Ale Erta Ale è in stato di attività elevata: un nuovo lago di lava è apparso nel cratere del pozzo settentrionale, ha ca. 300 metri di diametro e circa 15 metri sotto il bordo. Nel cratere meridionale, c’è un hornito dai lati ripidi con schizzi di lava che lo fanno crescere sempre più in alto sopra il fondo del cratere. È quindi uno dei momenti migliori e rari per vedere questa meraviglia.

Dove andiamo?

  • Addis Abeba, la capitale sorta per volere della regina Taytu, moglie di re Menelik
  • La mitica Dancalia con i vulcani che segnano i suoi margini: grandiose fontane di fuoco, funghi di fumo, fiumi di lava
  • Il leggendario popolo Afar: un popolo fiero, orgoglioso ed altero
  • Erta Ale, uno dei pochi esempi al mondo di lago di lava
  • Il lago Afrera (o lago Giulietti) protagonista di tante storie legate all'esplorazione della Dancalia da parte dei primi pionieri.
  • Il Lago di Assal, una vera e propria meraviglia della natura, un lago cambia colore secondo le ore del giorno: blu profondo, azzurro intenso, quindi cilestrino e tante altre tonalità
  • Il Parco Nazionale dell’Awash, con la visita delle fonti termali e un game drive nel parco
  • Gibuti, una meraviglia tutta da scoprire.

Date di partenza

  • Settimanalmente ogni venerdì da settembre a maggio

Gruppo

min. 4 partecipanti

Sistemazione

  • * Albergo (4*) in Addis Abeba in BB, in camere doppie;
  • * Alberghi 2-3* fuori Addis Abeba in camere doppie;
  • * All’addiaccio o in semplici capanne in vetta all’Erta Ale

Trattamento

* in Addis Abeba e Gibuti B&B (pernottamento e prima colazione);

* Fuori Addis Abeba: FB (pernottamento, prima colazione, pranzo e cena, inclusa acqua in bottiglia ai pasti),

Guida

di lingua italiana

Trasferimenti

Bus e/o minibus e/o auto fuoristrada;

Prezzi

Dettaglio prezzi

Quota:

Partenze di gruppo garantite con almeno quattro partecipanti

Settimanalmente ogni venerdì da settembre a maggio

€ 4.885,00 per persona

Supplemento partenze dal 15 dicembre al 30 gennaio: € 480,00 per persona

Supplemento camera singola: € 335,00

La quota comprende

  • Albergo (4*) in Addis Abeba e Gibuti in BB (pernottamento e prima colazione) in camere doppie;
  • Alberghi 2-3* fuori Addis Abeba: in FB (pernottamento, colazione pranzo e cena, acqua in bottiglia ai pasti) in camere doppie;
  • In vetta dell’Erta Ale si dorme all’addiaccio o in semplici capanne locali, senza servizi igienici, pasti preparati dal cuoco che vi accompagna;
  • Materiale da campeggio, cucina da campo attrezzata, cuoco;
  • Trasferimenti in auto fuoristrada/bus/minibus;
  • Guida di lingua italiana;
  • Assicurazione turistica che copre i rischi sanitari e quelli inerenti al bagaglio registrato;
  • Barca, muli o cammelli come da programma
  • Entrate in parchi, chiese, musei, monasteri, ecc.;
  • Permessi e tasse governative;

La quota non comprende

  • Diritti d’iscrizione: € 80,00
  • Volo aereo per raggiungere l’Etiopia, voli interni;
  • Assicurazione per le penali da annullamento. È facoltativa ed è disponibile in varie formule, contattando il nostro booking
  • Visto di ingresso: USD 50,00, ottenibile online prima dell’arrivo al sito www.evisa.gov.et per i cittadini UE
  • Pasti non indicati, bevande, extra e mance
  • Spese per filmare e fotografare
  • Spese extra di carattere personale, per foto, balli, cerimonie, etc
  • Tutto quanto non indicato espressamente nel programma di viaggio
  • NB:La nostra quotazione è da considerarsi sempre soggetta a riconferma, sino a quando non avremo le conferme delle prenotazioni aeree, dei servizi offerti e di eventuali oscillazioni dei cambi applicati: 1€=1,05$ (con una tolleranza del 3%)
  • NB: Il programma potrà subire variazioni o essere invertito su decisione insindacabile del Capo Spedizione e della vostra guida in base alle condizioni meteo, stradali, e di sicurezza, nell'interesse dei partecipanti.
Itinerario dettagliato

1° giorno – venerdìITALIA - ADDIS ABEBA

Partenza per Addis Abeba con volo di linea.

 

2° giorno – sabato ADDIS ABEBA

Arrivo in Addis Abeba nelle prime ore della mattina. Dopo il disbrigo delle operazioni doganali, trasferimento in hotel 4*. Mattinata relax. Pomeriggio interamente dedicato alla visita guidata della città di Addis Abeba, sorta per volontà e scelta della regina Taytu, moglie dell’imperatore Menelik. Mille realtà si incontrano e si scontrano in questa bellissima metropoli africana.

Pernottamento in Hotel Sabon o similare ad Addis Abeba.

Trattamento B&B (pernottamento, prima colazione).

 

Scopri di più su Addis Abeba

3° giorno – domenicaADDIS ABEBA - DESSIE’ - Mercato di Senbete

In mattinata partenza per Ankober, con panorami molto belli, in direzione del mercato della domenica del villaggio di Senbete della popolazione Oromo e Afar, dove ci fermeremo per visitare il mercato, molto interessante. In serata arrivo a Dessié e pernottamento.
La Dancalia è una regione remota, che si può raggiungere da Addis Abeba percorrendo una strada asfaltata per un paio di giorni. Si approfitta di questi giorni di viaggio per visitare gli interessanti mercati di Senbete e di Bati, crocevia di varie culture ed etnie, dove si vende, si acquista e si baratta di tutto… da un paio di pantofole ad un cammello, tra il caos, la polvere e gli odori spesso indescrivibili. Nel vasto e caotico mercato di Senbete esiste un’area dove si commerciano animali, soprattutto cammelli (il cui costo medio equivale a circa 400 dei nostri Euro), bovini ed asini.

Pernottamento in Hotel Time o similare a Dessié.

Trattamento FB (pernottamento, prima colazione, pranzo e cena).

4° giorno – lunedì DESSIE’– SEMERA - Mercato di Bati

Partenza per Bati e visita del grande mercato del lunedì, il mercato all’aria aperta più grande del corno d’Africa subito dopo quello di Addis Abeba delle etnie Amhara, Afar e Oromo. Gli Afar giungono al mercato con le loro carovane di cammelli che vendono sale e altri prodotti, mentre gli Oromo vendono granaglie, verdura e altri prodotti. E’ il mercato più colorato del nord dell’Etiopia. Proseguimento per Semera dove chiederemo i permessi per la Dancalia.

Pernottamento in Hotel  Aramis a Semera

Trattamento FB (pernottamento, prima colazione, pranzo e cena).

5° giorno – martedì SEMERA - VULCANO ERTA ALE

Dopo colazione partenza per  la catena di bassi vulcani che costituisce il sistema Erta Ale, che nella lingua Afar significa la “montagna che fuma”, attraverso la regione Afar, ammirando bellissimi panorami unici nel territorio. Nel tardo pomeriggio ascesa al vulcano Erta Ale.

Il punto più alto misura 613 metri e se saremo fortunati sarà possibile ammirare la caldera in attività con il magma che bolle e ribolle sotto i nostri occhi. Avremo a disposizione alcuni cammelli per il trasporto del materiale che ci seguiranno fino alla sommità. La fatica della camminata verrà ricompensata dalla straordinaria visione di questo vulcano in perenne attività. La salita sul vulcano ci permetterà di assistere ad uno spettacolo indimenticabile: il magma ruggisce, esplode, risucchia le rocce, è un mare incandescente di pietra liquida e nera, misterioso ed ipnotizzante. Scenari lunari ed unici.

Potremo ammirare  tutta la notte il lago di lava e lo stupendo spettacolo della Natura in azione.

La salita sul vulcano ci permetterà di assistere ad uno spettacolo indimenticabile: il magma ruggisce, esplode, risucchiale rocce, è un mare incandescente di pietra liquida e nera, misterioso ed ipnotizzante. Scenari lunari ed unici.

Pernottamento in capanne sulla cresta vulcanica.

Trattamento FB (pernottamento, prima colazione, pranzo e cena).

 
Scopri di più su Vulcano Erta Ale

6° giorno – mercoledìERTA ALE – LAGO AFRERA - SEMERA

La mattina presto torniamo ai fuoristrada e facciamo colazione. Poi proseguiamo per raggiungere il lago craterico di Afrera ricchissimo in sale. Si viaggia attraverso la regione Afar, ammirando bellissimi panorami unici nel territorio ed una pista tracciata nelle colate di lava, per giungere ad Afrera, sorta attorno alle saline ai bordi del lago che una volta si chiamava Giulietti

Il Lago Afrera, posto a 140 metri sotto il livello del mare, ha acque salmastre, è circondato da rocce basaltiche ed è alimentato da alcune sorgenti termali provenienti dal sistema dell’Erta Ale. La conformazione del luogo dà vita ai miraggi e, a dispetto delle difficili condizioni di vita ospita antilopi, dikdik, iene, gazzelle e sciacalli.

Proseguiamo per Semera, capitale amministrativa della regione Afar attraversando scenari e panorami che hanno dell’incredibile.

Quasi certamente il triangolo degli Afar è il posto più spettacolare che esista. La nuova crosta terrestre arriva fino alla superficie e i ricercatori possono toccare con mano ciò che altrove è coperto da chilometri di terra o acqua di mare. Il triangolo degli Afar infatti dà un’opportunità unica di osservare come si spacca un intero continente e come nasce un nuovo fondale oceanico. Questa terra si è formata milioni di anni dopo la separazione dell’Arabia dall’Africa, dando vita a un gioco di forze così complicato che gli scienziati di tre generazioni non sono ancora riusciti a chiarire. Movimenti e stiramenti hanno aperto lo spazio per la risalita del magma, che a sua volta ha dato vita a un labirinto di scogliere, crepacci, pendii e crateri. Il punto di partenza per gli studi sull’area sono i vulcani che segnano i suoi margini: grandiose fontane di fuoco, funghi di fumo, fiumi di lava. E un lago incandescente, che splende in fondo a un pozzo nero: l’Erta Ale.

Pernottamento in Aramis Hotel o similare a Semera.

Trattamento FB (pernottamento, prima colazione, pranzo e cena).

7° giorno – giovedìSEMERA – Villaggi Afar

Dopo colazione ci avventureremo nei dintorni di Semera per visitare dei villaggi Afar, le sorgenti termali di Dubti e il lago Afambo, che fa parte di una catena di laghi in cui il fiume Awash sfocia le sue acque.

Il popolo degli Afar vive a nord dell’Etiopia nella grande depressione dancala. Gli Afar sono un popolo fiero, interessante ed indipendente, per nulla sottomesso alle regole dell’autorità centrale. Quindi in tutta la Dancalia è d’obbligo chiedere l’autorizzazione prima di scattare una foto ad un membro di questa etnia, pena grosse ed onerose complicazioni. Orgogliosi ed alteri, arrivano in tenuta tradizionale ai mercati settimanali con cammelli, capre e sale da vendere per procurarsi le cose di prima necessità, gli occhi profondi e vivissimi a sorvegliare le donne che si occupano delle transazioni. La bellezza delle donne Afar è leggendaria, stupende e affascinanti, indossano veli trasparenti e colorati e presentano sul viso le tipiche incisioni nel viso.

Pernottamento in Aramis Hotel o similare a Semera.

Trattamento FB (pernottamento, prima colazione, pranzo e cena).

Scopri di più sui mitici Afar

8° giorno – venerdìSEMERA – GIBUTI

Il viaggio riprende in direzione di Gibuti e, a cavallo della frontiera etiopica, potremo ammirare  il lago Abbe, dalle strabilianti caratteristiche geologiche, specchio d’acqua salata che spicca sul paesaggio lunare circostante.

Enormi camini di roccia calcarea ai cui piedi, nella stagione fresca, esplodono migliaia di fiori del deserto, dalla vita effimera ma dai colori intensi. Lo scenario che offre il lago Abbe è meraviglioso: vaste distese aride e silenziose, bruciate ed incrostate di sale e cosparse da picchi e da piramidi di gesso. Ai piedi delle alture gorgogliano sorgenti calde, dalle quali si sprigionano con forza getti di vapore. Sul lago, durante la stagione delle piogge, si possono vedere centinaia di fenicotteri.

Situato all’intersezione di tre placche tettoniche divergenti, nel Corno d’Africa, lo stato di Gibuti è un piccolo angolo di paradiso pronto a ospitare e a rendere felici sia gli amanti della storia e della natura che gli appassionati di etnografia e gastronomia. Poche destinazioni nel mondo racchiudono in territori piccoli come quello del Stato di Gibuti varietà di paesaggi – come i vulcani, le pianure, camini di pietra calcarea,  laghi salati, grandi canyon e spiagge meravigliose – tanto variegati.

Cena e pernottamento in tenda nei pressi del lago.

Trattamento FB (pernottamento, prima colazione, pranzo e cena).

 

9° giorno – sabatoLAGO ABBE - TADJOURA

Dopo la visita di prima mattina al lago Abbe, proseguiamo per il famoso lago Assal, una vera e propria meraviglia della natura.

Sotto un sole che spacca le pietre e annebbia la vista, la superficie della porzione “liquida” del lago cambia colore secondo le ore del giorno: blu profondo, azzurro intenso, quindi cilestrino; verdi vivi e spenti, bianco lattiginoso, lilla e poi violaceo al tramonto; tinte che contrastano col biancore perenne e assoluto della parte salina. Il lago Assal, situato a 155 m sotto il livello del mare, racchiuso in un bacino selvaggio dominato da austere montagne, è il punto più basso del continente africano.

Proseguiamo per Tadjoura, la vecchia capitale,  dove potremo ammirare la sua meravigliosa spiaggia sul Mar Rosso.

La bianca cittadina di Tadjoura, situata all’estremità del golfo omonimo sullo sfondo dei monti Goda, con le sue palme, le case di un bianco abbagliante e le sette moschee è un posticino pittoresco che ammalia. Una delle più antiche città dell’Africa orientale, la sua lunga tradizione commerciale è confermata da diversi testi arabi risalenti al XII secolo.

 

Pernottamento in Hotel LeSableBlanc o similare a Tadjoura.

Trattamento FB (pernottamento, prima colazione, pranzo e cena).

 

10° giorno – domenicaTADJOURA – GODA MOUNTAINS – BANKOUALE - TADJOURA

Dopo colazione, escursione alle Goda Mountains  e visita del villaggio di Bankouale e delle cascate.

La catena dei Monti Goda, in cui si alternano canyon, montagne, grotte e cascate, rappresenta una delle zone più verdi del Paese ed è punteggiata di villaggi abitati dall’etnia Afar.

Nel pomeriggio ritorno a Tadjoura ed escursione in barca alle “sabbie bianche”. Ritorno all’Hotel in serata

Pernottamento in Hotel LeSableBlanc o similare a Tadjoura.

Trattamento FB (pernottamento, prima colazione, pranzo e cena).

 

11° giorno – lunedìTADJOURA - GIBUTI

Dopo colazione raggiungiamo la città di Gibuti, la capitale dell’omonimo stato africano. Visita della città, del suo famoso mercato e della meravigliosa spiaggia.

Il suo sbocco sul Golfo di Tadjoura e sul Golfo di Aden gli permette di godere di splendidi fondali marini, in acque che mantengono sempre una buona temperatura. I paesaggi sottomarini sono unici, così come quelli che si trovano sulla terra. I suoi laghi dalle sorgenti calde sono circondati da ambienti naturali lunari e desertici. Se si aggiungono le tribù nomadi, l’originalità è totale.

Pernottamento in Hotel LeHeron o similare a Gibuti.

Trattamento B&B (pernottamento e prima colazione).

 

12° giorno – martedìGIBUTI - DIREDAWA

Dopo colazione ripassiamo il confine tornando in l’Etiopia per raggiungere DireDawa. Visiteremo il mercato e la famosa stazione di DireDawa..
Seconda città etiope per numero di abitanti DireDawa venne fondata a tavolino nel periodo della costruzione della ferrovia Addis Abeba-Gibuti che la raggiunse nel 1902. Denominata originariamente Addis Harar, cioè nuova Harar, in poco tempo si sostituì commercialmente alla più famosa e antica Harar diventando anche la principale stazione dell’intera linea ferroviaria. A differenza di Harar che rimase culturalmente islamica, DireDawa divenne con il tempo una città a netta preponderanza cristiana. Nei dintorni di DireDawa si trovano, in alcune grotte, dei graffiti che sembra risalgano a circa 400.000 anni fa e rappresentano scene e figure di animali quali antilopi e sciacalli.

Pernottamento in Hotel Samrat o similare a DireDawa
 Trattamento FB (pernottamento, prima colazione, pranzo e cena).

13° giorno – mercoledìDIREDAWA - HARAR

Dopo colazione prosegue il viaggio via strada verso Harar, la città fortificata. Visiteremo chiese e moschee, il mercato ed anche alcune case tradizionali.

In serata incontro con lo “hyena-man”, dove potete assistere da vicino ai pasti delle iene.

Chiamata Gey (cioè “la città”) dai suoi abitanti, Harar venne fondata fra il VII e l’XI secolo (a seconda delle fonti) ed emerse come centro principale della religione e cultura islamica nel Corno d’Africa. Rimase indipendente dal resto dell’Etiopia per secoli, e nel 1520 divenne la capitale di un regno musulmano indipendente guidato da Abu Bakr. Nel XVI secolo Ahmad ibn Ibrihim al-Ghazi lanciò da Harar una guerra di conquista che estese di molto il suo territorio e arrivò a minacciare persino l’esistenza del regno cristiano d’Etiopia. Il suo successore, Emir Nur ibn Mujahid, circondò la città di un muro alto 4 metri e dotato di 5 porte d’accesso. Questo muro, chiamato Jugol, è giunto pressoché intatto fino a noi ed è uno dei simboli della città e dei suoi abitanti.

Nel 2004 Harar Jugol è stata inserita nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. Essa è considerata la quarta città santa dell’Islam, con 82 moschee, tre delle quali risalgono al X secolo, e 102 luoghi sacri

 

Pernottamento in Harar Ras Hotel o similare ad Harar

Trattamento FB (pernottamento, prima colazione, pranzo al sacco e cena inclusi)

 

14° giorno – giovedìHARAR - AWASH PARCO NAZIONALE

Dopo colazione partenza per il Parco Nazionale di Awash, che prende il nome dall’omonimo fiume. Nel pomeriggio prosegue la visita nel parco dove si incontreranno Oryx, coccodrilli, un’ampia varietà di uccelli ed antilopi e si potranno ammirare le magnifiche cascate dell’Awash e la profonda gola in cui scorre.  Il tardo pomeriggio è uno dei momenti migliori per gli avvistamenti, soprattutto in prossimità del corso dell’Awash, che con la sua ricchezza d’acqua attira molti animali. Visita alle cascate all’interno del parco e alle famose sorgenti termali.

Nel 1980 la valle dell’Awash è stata inserita nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO, per via del grande numero di fossili ritrovati e per la loro notevole importanza per la storia dell’evoluzione dell’umanità (qui nel 1974 venne ritrovato lo scheletro chiamato successivamente Lucy).

Pernottamento in Awash Falls Lodge o similare ad Awash

Trattamento FB (pernottamento, prima colazione, pranzo e cena).

15° giorno – venerdì AWASH NATIONAL PARK – ADDIS ABEBA

Viaggio di ritorno ad Addis Abeba, attraversando le regioni abitate dagli Amhara e dagli Oromo, ammirando paesaggi spettacolari e indimenticabili.

Day use dell’hotel e in serata cena tradizionale con danze e spettacoli folcloristici.

In tempo utile trasferimento in aeroporto per imbarcarsi sul volo di ritorno.

Scopri di più su La Danza in Etiopia

16° giorno – sabatoITALIA

Arrivo in Italia

 

NB:AVVERTENZE IMPORTANTI

  • Il programma può variare, in parte, a seconda delle compagnie aeree utilizzate per arrivare in Etiopia. Per tali motivi, il programma finale operativo potrà essere inviato ai partecipanti solo dopo aver definito questi due punti, essenziali alla buona riuscita del viaggio;
  • I prezzi indicati non includono il costo dei biglietti aerei internazionali per raggiungere l’Etiopia. Cercheremo per voi le soluzioni più vantaggiose che saranno quotate a parte.
  • Hotel: L’attribuzione delle stelle agli alberghi non corrisponde agli standard europei. Fuori Addis Abeba, quasi sempre, nonostante siano sistemazioni semplici gli hotel proposti sono tra i migliori disponibili, ma a volte, causa la mancanza di energia elettrica, anche in questi può capitare che non sia disponibile elettricità e quindi acqua calda. Inoltre, in alcuni alberghi, può essere carente la gestione della manutenzione, in particolar modo nei locali da bagno. A Semera è disponibile una sistemazione di più alto livello col pagamento di un supplemento.
  • Il nostro primo obiettivo è quello di organizzare per voi un viaggio in grado di soddisfare tutti i vostri desideri. Non esitate quindi a chiederci qualsiasi informazione che riteniate utile, e a illustrarci tutti i dettagli che ritenete importanti affinché il vostro viaggio, oltre ad avere un’ottima riuscita, rimanga davvero nella vostra memoria come una delle più belle esperienze della vostra vita.
Map

Galleria Fotografica
FAQ

Che tipo di viaggio è questo? A chi si rivolge?

È una proposta di viaggio, con itinerario prestabilito, che si rivolge ai viaggiatori che desiderano viaggiare in gruppo.

Una delle poche cose che possiamo garantire, quando si viaggia in Africa, è che non tutto si svolgerà perfettamente. Lungo la strada avremo sicuramente molte sorprese: una strada interrotta, un ponte chiuso per una piena, un guasto meccanico (succede anche se non spesso), cambio della struttura di pernottamento, una visita di qualche animale selvaggio nel nostro campo o davanti alla porta della nostra camera. Quindi preparatevi all’imprevisto, e sappiate che comunque, e qualsiasi cosa succede, noi, le vostre guide e lo staff, il nostro corrispondente abbiamo l’esperienza e le capacità di gestire queste situazioni, e risolverle nel miglior modo possibile.

L’itinerario si svolge spesso lungo rotte non classicamente turistiche, e dove non sempre sono disponibili servizi ed infrastrutture turistiche, tipiche del turismo di massa.

I trasferimenti sono fatti tutti via strada, usando minibus a 12 o 24 posti e/o auto fuoristrada per specifiche località.

 Il programma oltre ai trasferimenti ed ai pernottamenti offre anche una serie di attività come ad esempio, tour guidati, tour culturali, escursioni ai villaggi etc ma lascia anche la possibilità ai singoli di aggiungere attività opzionali (a pagamento) per arricchire la propria esperienza di viaggio.

I pernottamenti sono offerti in formula Drive&Lodge: prevede i pernottamenti in hotels di classe turistica in camere doppie con servizi privati, 4* in Addis Abeba, 2-3* nel resto dell’itinerario, salvo diversamente specificato;

A chi si rivolge?

A tutti i viaggiatori, curiosi e flessibili, che amano viaggiare in gruppi multi etnici e multi-età.

Le strutture sono state attentamente selezionate e sono in linea col tipo di tour e le aree visitate.

Quale è il miglior periodo di viaggiare in Etiopia?

Lo slogan dell’ufficio turistico etiopico recita ’13 mesi al sole ed in effetti anche se sulla rotta storica e sul resto degli altopiani si registrano piogge da metà marzo a settembre, in questo periodo il sole è pressoché garantito quasi tutti i giorni.

La regione più a est e gli altopiani settentrionali vedono ancora più sole, con precipitazioni di una certa importanza solo nei mesi di luglio e agosto. L’inizio di ottobre, subito dopo la stagione delle piogge, è un momento particolarmente indicato: troverete un paese meravigliosamente verde, rigoglioso e con fiori di campo di una bellezza straordinaria.

Nelle regioni del sud le piogge hanno andamento irregolare e sono concentrate nei mesi di marzo- maggio e ottobre-novembre. I mesi di giugno-agosto sono i meno caldi.

È bene comunque pianificare un viaggio in Etiopia in coincidenza di una delle pittoresche festività: Lidet (Natale copto) il 7 gennaio, Timkat (Epifania) 19 gennaio, Fasika (Pasqua copta) marzo/aprile, Kuddus Yohannes (Capodanno) 11 settembre, e il Meskel (Ritrovamento della Vera Croce) 27 settembre. Le festività vengono celebrate con cerimonie molto suggestive e straordinariamente coinvolgenti.

Se programmate un viaggio nel nord, sull’altopiano:

Se invece lo programmate nel Sud, la Valle dell’Omo:

 

Con chi viaggerò?

Normalmente il gruppo è composto da partecipanti di varie nazionalità.  La guida  è sempre di lingua italiana, e può anche essere multilingua. Gli autisti, normalmente parlano solo inglese, in maniera strettamente sufficiente.

L’età dei partecipanti è molto differenziata. Può essere possibile che nel gruppo siano presenti anche ragazzi , o partecipanti che abbiano oltre 65 anni. L’esperienza post tour di questi viaggi, vede la maggioranza dei partecipanti soddisfatto, perché viaggiare con persone di nazionalità e lingua diverse, di varie fasce di età, singoli e coppie, offre la possibilità di una interazione durante il viaggio estremamente interessante ed anche perché, chi partecipa a questi viaggi, ha solitamente interessi e valori condivisi. 

Non è possibile sapere in anticipo come sarà costituito il gruppo. Potrà essere formato da un minimo di 2 partecipanti.

Viaggio solo, devo pagare un supplemento?

I viaggiatori singoli sono sempre benvenuti.  Se preferite avere una camera solo per voi, ci sarà un supplemento da pagare, se invece lo desiderate potrete condividere la camera con un altro ospite dello stesso genere, salvo disponibilità, senza costi aggiuntivi.

Vaccinazioni e situazione sanitaria

Il sistema sanitario etiopico è carente di strutture e infrastrutture e di un adeguato livello di preparazione medica e paramedica. Solo ad Addis Abeba ed in alcune città principali si trovano strutture pubbliche e private dotate di attrezzature moderne, ma non sempre perfettamente funzionanti. Gli ospedali nel resto del paese non sempre possiedono attrezzature diagnostiche e chirurgiche aggiornate. Il ricovero in ospedale è consigliato solo in casi di urgenza.
La disponibilità di farmaci è scarsa. E’ necessario portare con se tutti i medicinali che vengono assunti abitualmente, in quantità sufficiente per tutto il viaggio, nonchè una scorta di medicinali essenziali e di primo soccorso.

Non ci sono vaccinazioni obbligatorie per viaggiare in Etiopia, tranne che quella della febbre gialla per chi proviene dai paesi dove questa è presente.

Per quelle consigliate, rivolgetevi all’ufficio vaccinazioni internazionali della vostra città.

Sull’altopiano, che si trova a un’altitudine media di 2.300 metri s.l.m., non è necessario eseguire la profilassi antimalarica, che è invece suggerita se vi recate in zone al di sotto dei 2000 mt di altitudine.

Queste le località principali con relative altitudini:

Rotta storica: Addis Abeba, 2300mt, Bahr Dar 1800mt, Gondar 2.130mt, Lago Tana 1.800mt, Sankaber (Semien) 3400mt, Axum 2.130mt, Gheralta 2.400mt, Macalle 2.100mt, Passo dell’amba Alagi 3.000mt, Lalibelà 2.450mt, Dessié 2.475mt

Valle dell’Omo: Langano 1.585mt, Arba Minch 1.285mt, Awassa 1.708mt, Yabelo 1.860mt, Jinka 1.490mt, Turmi 925mt;

Per approfondire consigliamo di consultare questi siti:

“Viaggiare Sicuri” 

“CDC” in inglese, che ha un ampio ventaglio di informazioni di tipo sanitario e raccomandazioni.

Sono necessari passaporto e visto?

È necessario essere in possesso di un passaporto con almeno altri 6 mesi di validità dalla data del termine del viaggio e un minimo di due pagine bianche per ogni visto necessario per l’ingresso/uscita dai valichi di frontiere. Vi consigliamo anche di avere una fotocopia del vostro passaporto, averne una copia digitale sul vostro smartphone e sulla vostra mail. È necessario che abbiate sempre la massima cura del vostro passaporto. 

E’ possibile ottenere il visto di ingresso prima della partenza, richiedendolo online sul sito www.evisa.gov.et oppure all’arrivo. E’ consigliato richiederlo online. 

Dove e come si mangia? Se ho necessità dietetiche?

Tutti i pasti  sono consumati nei ristoranti degli alberghi dove si pernotta. La cucina è internazionale e spesso sono presenti piatti della cucina italiana.

Se siete vegetariani, o avete necessità dietetiche, informateci prima della partenza per poter organizzare il necessario per voi.  

Se siete vegani, avete allergie, e usate preparati o cibi particolari, vi preghiamo di voler provvedere direttamente all’acquisto, perché non saremo in grado di fornirli in viaggio.

Con quali mezzi si viaggia?

I trasferimenti sono fatti tutti via strada, usando minibus a 12 o 24 posti e/o auto fuoristrada per specifiche località.

 Distanze e condizioni stradali

Tutti i tour proposti, includono anche lunghi trasferimenti via strada. Questo vi permette di ammirare paesaggi, e la loro durata dipende da:

– La velocità media sulle strade asfaltate è di circa 80 km/ora, ma ci saranno parti in cui la velocità scenderà a 30km/ora per le condizioni stradali e di sicurezza. L’autista ha come priorità la vostra sicurezza e le sue decisioni dipendono da questo punto.

– nella norma un trasferimento giornaliero è di circa 200-250km, ma alcuni itinerari ne prevedono sino a 400km. Spesso non c’è nessun posto di interesse tra una fermata e l’altra, ma solo ampi spazi.

– viaggiamo spesso su strade polverose, ventose, e col caldo.

Quali guide ci accompagnano in viaggio? Di che lingua? C'è un accompagnatore italiano?

Nel viaggio sarete accompagnati da una guida di lingua italiana, con una conoscenza profonda delle aree attraversate e dell’itinerario di viaggio.

In caso di contrattempi, problemi che possono riguardare la sicurezza, problemi di salute, condizioni meteo avverse, interruzioni stradali, etc il tour leader prenderà le decisioni che ritiene opportune, a suo insindacabile giudizio. A volte queste decisioni non accontentano tutti, e per questo in tali situazioni la pazienza di tutti è necessaria a trovare una soluzione ai problemi.

Le guide sono sempre aperte a qualsiasi richiesta di informazioni, suggerimenti o altro possiate ritenere utili.

Accompagnatori dall’Italia

In alcune date selezionate sarà presente un accompagnatore di lingua italiana, con il compito di farvi conoscere meglio le particolarità del vostro viaggio. Potrà essere un esperto delle località, uno scrittore, un fotografo o un viaggiatore esperto.

Cash - Carte di credito - Bancomat

Ricordate, se portate con voi dollari americani cash, di avere banconote emesse dopo il 2008. Le versioni precedenti vengono rifiutate o cambiate con tassi molto penalizzanti, a causa dell’alto numero di falsi in circolazione.

Carte di credito Visa e MasterCard sono quasi sempre accettate nei maggiori hotel. American express e Diners non sono sempre accettate. Per poter prelevare contanti con la vostra carta di credito dovete avere il tipo con il chip ed il pin.

Bancomat e sportelli ATM vanno sempre più diffondendosi, ed è attualmente il metodo più semplice di prelevare in valuta locale.

Ricordate di segnalare alla vostra banca, di autorizzare i prelievi con carta di credito e bancomat al di fuori dell’Europa, per evitare inconvenienti.

Cosa devo portare con me in viaggio?

Abbigliamento e articoli da toeletta suggeriti – max 20 kg in una borsa morbida. 

  • Si consiglia di viaggiare con poche valige, meglio quelle morbide. Trattandosi di un paese di fascia equatoriale, l’abbigliamento da mettere in valigia è prevalentemente estivo, anche se durante le ore serali e notturne le temperature possono scendere parecchio, soprattutto lungo l’altopiano settentrionale; è importante avere con sé una felpa o maglioncino di lana e un giacca, pantaloni lunghi e comunque la regola è vestirsi ‘a cipolla’, in modo da essere a proprio agio e pronti ad ogni condizione atmosferica.
  • Vanno messi in valigia in ogni stagione un impermeabile, una torcia, scarpe da ginnastica e/o trekking, creme solari, cappellino, occhiali da sole, spray repellente per zanzare. Si raccomanda inoltre di portare con sè nel bagaglio a mano il necessario per il primo giorno, anche nell’eventualità di ritardi nella consegna dei bagagli all’arrivo.
  • E’ sempre meglio portare con se, nelle escursioni, una giacca leggera o un k-way.
  • Durante le escursioni è opportuno che ogni partecipante abbia con sé dell’acqua minerale per uso personale, in quanto lungo la strada e fuori dalle grandi città non sempre è disponibile.
  • Fuori da Addis Abbeba può essere difficile acquistare schede fotografiche, batterie e quant’altro. E’ necessario quindi avere con se sempre tutto il necessario.
  • In Etiopia molti farmaci comuni in Italia non sono disponibili. Ricordate di portare con voi tutti i medicinali di cui ritenete di avere bisogno, e in quantità sufficiente al vostro viaggio.
  • Per chi soffre il mal d’auto e mal di mare: le strade sono molto tortuose, e quindi l’assunzione di farmaci per il mal d’auto o l’uso dei bracciali è consigliato.

Comunicazioni telefoniche ed internet

In viaggio non sempre è disponibile il roaming, in alcune località non sempre è disponibile internet ed il Wi-Fi. Attualmente non è possibile acquistare SIM locali senza formalità burocratiche. Chiedete consiglio alla vostra guida, di quale è la soluzione migliore in quel momento.

Ricordate però che, anche se voi non potete comunicare, noi siamo quasi sempre in grado di rintracciarvi, se non immediatamente in un tempo comunque relativamente breve. Ricordate quindi di lasciare i numeri di emergenza che riceverete insieme alla documentazione di viaggio, ai vostri familiari, che potranno rivolgersi a noi per le emergenze.

Comunicate anche a familiari ed amici che sarà possibile che siate non rintracciabili anche per alcuni giorni di seguito in questo tipo di viaggio, così da evitare preoccupazioni inutili.

Limiti di età

Non c’è nessuna restrizione rigorosa rispetto all’età dei partecipanti.

I gruppi sono generalmente piacevolmente informali, in maggioranza italiani ma possono comprendere anche partecipanti di altre nazionalità. 

Elettricità ed acqua

In Etiopia l’energia elettrica ha lo standard italiano, 230V 50 Hz, prese 10 -16 A, ma và sempre più diffondendosi lo standard cinese/inglese. E’ consigliato portare un adattatore internazionale

Possono esserci interruzioni nella fornitura di energia elettrica, anche se quasi tutti gli hotel dispongono di generatori, ma è sempre consigliato avere con se una torcia elettrica.

L’acqua del rubinetto è potabile, ma non adatta agli stomaci occidentali. Bevete eclusivamente acqua e bevande imbottigliate, evitate il ghiaccio ed i gelati, e se prendete succhi di frutta chiedete che usino per la preparazione acqua imbottigliata. Possono esserci interruzioni nella fornitura di acqua corrente, specie nelle piccole città.

 

Quale è la differenza di orario con l'Italia?

L’Etiopia è due ore avanti rispetto al tempo universale GMT/UTC e non adotta l’ora legale. Si trova quindi due ore avanti rispetto all’Italia, un’ora avanti quando vige l’ora legale.

Quali sono le condizioni di penale per la cancellazione del viaggio?

Penali per annullamento

Tutte le cancellazioni devono essere effettuate per iscritto, e saranno considerate cancellate solo al momento dell’avvenuto ricevimento della comunicazione scritta da parte di Afronine Tour.

Le cancellazioni saranno soggette alle seguenti penali:

  • Penale del 10% se il viaggio viene cancellato più di 60 giorni prima della partenza.
  • penale del 50% se il viaggio viene cancellato con 31-60 giorni di anticipo.
  • penale del 100% se il viaggio viene cancellato da 30 giorni o meno prima della data di arrivo.

Cambi data:

in questo caso non vengono applicate penali, ma la richiesta verrà trattata su base individuale e verranno applicati eventuali costi accessori per riemissione biglietti aerei, e spese amministrative, che verranno quantificate di volta in volta

Altri 2 viaggiatori stanno prendendo in considerazione questa viaggio adesso!